Ma come fanno i Marinai…

1 agosto, 2017 - Categoria: Sport

Sono Campioni d’Italia, i Seamen meneghini. Permetteteci di festeggiarli alla grande, con un’onda degna di quella, tradizionale e super carica, che segna il loro ingresso in campo. Siamo particolarmente orgogliosi di supportare questi ragazzi con la metodologia Human Tecar, che si rivela davvero preziosa in sport durissimi, di contatto, come il football americano, dove le masse muscolari in gioco sono importanti, gli allenamenti frequenti e intensissimi – tanto più che i Seamen hanno non soltanto dovuto sostenere un campionato Italian Bowl logorante, ma erano reduci dai confronti europei.
La finale per lo scudetto di football americano made in Italy, allo Stadio Romeo Menti di Vicenza, è stato chiamato il “match perfetto”, con parecchie emozioni in più: quella del derby fra due squadre milanesi (Rhinos e Seamen); quella della presenza di molti campioni di oggi e di ieri anche fra gli spettatori, per non parlare di Megatron Calvin Johnson al coin toss; e di uno scudetto che è tornato ad “ancorarsi” sulla maglia dei Seamen per la terza volta in quattro anni.
Chapeau a tutti quelli che hanno reso possibile questa splendida vittoria, dall’head coach Tony Addona, al quarterback e Most Valued Player Luke Zahradka, alla sua prima stagione con i Marinai… E se ancora vi chiedete come fanno i Seamen a vincere così bene – chiedetelo al loro massofisioterapista e Human Tecar Specialist, Stefano della Foglia.

Foto @Dario Fumagalli

articoli correlati
6 ottobre, 2017

Tor des Géants: prepararsi alla “gara più dura del mondo” con Human Tecar

Se c’è una gara di trail running che merita di chiamarsi endurance trail è questa: il Tor des Géants. Più di 330 km per un dislivello positivo di 24.000 metri. Human Tecar, con la sua[...]

28 settembre, 2017

Continua la “guerra fredda” di Human Tecar contro infiammazioni e contratture, a Berlino

Domenica 24, Berlino sotto la pioggia autunnale avrebbe fornito lo scenario ideale per una spy story classica, alla John Le Carré o Joseph Kanon: foschia e chiaroscuri, romantici ponti nel parco di Tiergarten, nemici sempre[...]