Tra mare e cielo, in 120.000 per le Frecce Tricolori. Più Human Tecar.

30 maggio, 2017 - Categoria: Anti stress Eventi

Domenica, 21 maggio: già la data sa di festa, di primavera e di sole.  Aggiungiamoci il litorale di Tirrenia pronto ad accogliere gli ospiti con musica, rinfreschi e divertimento pre- e post-evento, la passione e tradizione pisana per l’aeronautica, e la mitica Pattuglia Acrobatica Nazionale a ricamare volteggi fra mare e cielo per ventitré minuti da cardiopalma…  Non c’è da stupirsi che questo tratto di costa a sudovest di Pisa fosse gremito all’inverosimile, dalle 15:30 alle 17:30 di domenica, in occasione del Pisa Air Show 2017.  A Tirrenia, quel giorno, c’era anche la squadra Human Tecar.

In volo?  Non esattamente: i nostri Human Tecar Specialist hanno i piedi ben saldi a terra, ai comandi delle tecnologie d’avanguardia con cui supportiamo i piloti delle Frecce Tricolori, implementando vari e diversificati protocolli antistress, di riprogrammazione neuromuscolare, stimolazione del microcircolo, riequilibrio del sistema osteoarticolare, e così via.  La PAN si affida infatti da tempo alla nostra metodologia per integrare il programma di allenamento dei propri top gun, e farli recuperare dagl’intensi carichi psicofisici cui vengono quotidianamente sottoposti; per non parlare degli eventi.  Prima e dopo ogni air show, c’è un fitto calendario di trattamenti Human Tecar, sia di preparazione che di recupero.

I soli momenti in cui gli specialisti Human Tecar non seguono il 313° Gruppo Addestramento Acrobatico (questo il nome ufficiale) e il suo Comandante, Maggiore Mirco Caffelli?  Nel cockpit, a testa in giù con un’accelerazione di 10-11 g.

articoli correlati
23 giugno, 2017

Paolo Malpeli: #Breaking2, diario di bordo

Pubblichiamo volentieri una bella testimonianza di Paolo Malpeli, Human Tecar Specialist, che a distanza di qualche tempo ci racconta come ha vissuto l'esperienza di Nike Breaking2: Sono passate sei settimane dall’alba di quel sabato: ennesima[...]

22 giugno, 2017

8 luglio 2017, Milano: Un bel tuffo nelle onde (quadre)

In questa ultima decade di un torrido giugno, anche i professionisti del settore healthcare, né più né meno del resto della popolazione europea occidentale, stanno subendo le conseguenze dell’anticiclone africano unito al deficit idrico. In[...]