Principato di Monaco incorona gli atleti Human Tecar

24 agosto, 2017 - Categoria: Eventi Sport

Ore 19, 22 luglio 2017, Monte Carlo: il sole splende ancora sul mare della Costa Azzurra, ha i bagliori del diamante. Meglio, della Diamond League e delle stelle dell’atletica, pronte a salutare il 30° compleanno del meeting Herculis e un campione leggendario, Usain Bolt. Per noi di Human Tecar, l’alba di questo evento risale a ben prima, al mattino del 19 luglio: da allora, la nostra squadra di fisioterapisti lavora senza sosta per supportare atleti come lo stesso Bolt – seguito come sempre dal suo terapista personale Everald ‘Eddie’ Edwards –, che qui raccoglierà l’ultimo oro della sua carriera, Wayde van Niekerk,  primo nei 400 metri, Isaac Makwala (2°), Gil Roberts, Elijah Motonei Manangoi, oro nei 1500, Ronald Kwemoi (3°), Dina Asher-Smith, bronzo nei 200m femminile, Hellen Obiri, oro nei 3000m, Yuliya Levchenko, argento nel salto in alto… per fare qualche nome soltanto. E non è tutto: gli ultimi trattamenti si concluderanno a mezzanotte del 22, a competizioni terminate, per lenire la fatica muscolare e la tensione psicologica degli atleti – grazie alla vibrazione meccano-sonora di Human Tecar ViSS, alla nostra tecnologia HCR per l’attivazione del microcircolo, le pedane propriocettive e le Fast Recovery Bandages.

Splendida collaborazione con il team di fisioterapisti dell’organizzazione Herculis: abbiamo condiviso informazioni ed esperienze nella bellissima atmosfera dello Stadio Louis II gremito e partecipe.

 

articoli correlati
20 settembre, 2017

Prima Mezza Maratona “Via Pacis” a Roma: Human Tecar con il C. R. Lazio della Federazione Medico Sportiva Italiana

Dal 14 al 20 settembre, la Città Eterna è stata palcoscenico di una settimana dell’atletica davvero eccezionale, dedicata a pace, integrazione, inclusione e solidarietà. La nostra squadra, chiamata dal C. R. Lazio della Federazione Medico[...]

8 settembre, 2017

Ultima tappa Diamond League, task force Human Tecar. Obiettivo: tendinopatie.

Bruxelles, 1° settembre - Quattordicesima e ultima tappa del circuito IAAF che ha visto i grandi dell’atletica competere in gare ravvicinate a ogni latitudine. Non c’è da stupirsi che l’affaticamento fosse notevole: i sovraccarichi si[...]