Continua la “guerra fredda” di Human Tecar contro infiammazioni e contratture, a Berlino

28 settembre, 2017 - Categoria: Eventi Sport

Domenica 24, Berlino sotto la pioggia autunnale avrebbe fornito lo scenario ideale per una spy story classica, alla John Le Carré o Joseph Kanon: foschia e chiaroscuri, romantici ponti nel parco di Tiergarten, nemici sempre in agguato… L’evento che vi raccontiamo, però, più che di Le Carré sa di Human Tecar; e i soli nemici a insidiare gli oltre 4.000 runner della World Marathon Major più veloce al mondo erano (tempo umido e piovoso a parte) le tensioni muscolari e infiammazioni tendinee che Human Tecar, da sempre, tiene sotto tiro – con licenza di uccidere le une e le altre.

Così è stato per numerosi dei partecipanti – senza contare cinque su sei atleti da podio, tutti supportati dalla nostra metodica non soltanto nella capitale tedesca, ma a casa loro e nei loro centri di allenamento: per gli uomini, Eliud Kipchoge, che dopo l’impresa monzese di Nike Breaking 2 si è confermato il numero 1 dei maratoneti mondiali con un tempo di 2:03:32 in condizioni meteorologiche difficilissime (nessuno ha mai corso una maratona più veloce in simili condizioni!). Al secondo posto, un sorprendente debutto: l’etiope Guye Adola, anch’egli assistito dalla nostra metodologia, con 2:03:46 – il debutto più veloce mai registrato nel corso di un evento ufficiale. Grandissima soddisfazione anche dal podio femminile, dove tutt’e tre le medaglie – oro, argento e bronzo – sono andate a “nostre” campionesse… Nell’ordine, Gladys Cherono in 2:20:23, Ruti Aga in 2:20:41, e Valary Aiyabei in 2:20:53.

articoli correlati
12 dicembre, 2017

Human Tecar Mat: allenamento propriocettivo, dall’aplomb al palleggio

Finalmente un’ottima notizia, per gli appassionati di calcio italiani: dal mondo della danza classica, l’allenamento su pedane propriocettive Human Tecar Mat sta conquistando i virtuosi del pallone, grazie ad un progetto collaborativo del ballerino e[...]

4 dicembre, 2017

Olimpia Milano: fitta agenda agonistica fra Campionato e EuroLeague

Bella serata, ieri, con la vittoria di Olimpia Milano a Reggio Emilia: la squadra di basket più titolata d’Italia ha sconfitto la Reggiana per 72-71, con ottime prestazioni di Jerrells e Gudaitis, nonostante qualche problema[...]